L’Europa e i Giovani

I giovani sono sempre stati importanti ambasciatori della cultura e dell’identità italiana nel nostro continente grazie anche alla loro capacità di fruire di opportunità di scambio, di studio e di lavoro all’estero promosse dall’Unione europea.

I continui rapidi cambiamenti del mercato del lavoro e la crisi economica degli ultimi anni impongono alle nuove generazioni di possedere conoscenze, abilità e competenze in linea con il progresso tecnologico, con i più moderni ed all’avanguardia sistemi organizzativi e produttivi. In questo contesto, la formazione in chiave europea è diventata uno strumento strategico, momento e snodo fondamentale di confronto e scambio soprattutto di prassi e buone pratiche di successo in campo professionale.

Nel novembre 2009, La Commissione europea ha adottato una nuova “Strategia UE per i Giovani: investire e rafforzare” che definisce per il periodo 2010 – 2018 due obiettivi generali:

  • maggiori pari opportunità per i giovani nell’istruzione e nel mercato del lavoro;
  • cittadinanza attiva, inclusione sociale e solidarietà dei giovani

La nuova strategia con un approccio transettoriale invita sia gli Stati membri che la Commissione a cooperare nel settore giovanile attraverso un metodo aperto di coordinamento rinnovato che comprenda tutte le aree politiche chiave concernenti i giovani europei ponendo, in particolare, l’accento sull’importanza del lavoro giovanile.

Oggi nuove misure saranno finanziate dal Fondo sociale europeo, dall’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile e dal nuovo programma Erasmus+ per l’istruzione, la formazione e la gioventù che sulla base degli ultimi accordi intercorsi a livello europeo intendono rilanciare l’occupazione, soprattutto quella giovanile, vera priorità ed emergenza sociale comune all’interno dei paesi membri dell’Unione europea.